Mangiare il pesce

mangiare il pesce

Mangiare il pesce porta degli indubbi benefici, ma può anche nascondere svariate insidie.

Il pesce è naturalmente ricco di acidi grassi essenziali come omega-3, di proteine e di diversi nutrienti.

Come tutti i cibi di origine animale, non ha fibre e forma acido e muco appiccicoso. Inoltre è importante conoscerne la provenienza: se di mare, fiume o lago ma soprattutto, se pulite o inquinate.

L’indicatore più evidente della freschezza di un pesce è l’olfatto; se l’odore di pesce è percepibile nettamente, esso è stato pescato da un bel po’ di tempo o si sta decomponendo.

I livelli di omega-3 più alti sono contenuti nelle seguenti specie:

  • branzino
  • salmone
  • trota
  • pesce spada
  • tonno

Gli ultimi due potrebbero avere livelli alti di mercurio, ma è un’ipotesi e gli alti livelli di nutrienti contenuti compensano di gran lunga il rischio.

Da evitare accuratamente il pesce essiccato, usato spesso in zuppe e in diversi piatti asiatici, perchè la possibilità che contenga funghi e micotossine, sviluppatisi durante il processo di essiccazione, è estremamente alto.

Da evitare, inoltre, anche i crostacei. Questi ultimi sono saprofagi, ovvero si nutrono di rifiuti ma anche di feci di altri pesci e, di conseguenza, possono essere pieni di tossina.

Post che potrebbero piacerti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Mangiare il pesce

di Marzia Di Stefano tempo di lettura: 1 min
0