Pasti fuori orario e caffè: due insidie per la tua dieta

caffè

Quasi tutte le persone in cura presso il mio studio, prima o poi mi chiedono quanto caffè possono prendere al giorno. E’ una domanda pertinente, prima di tutto perché una buona dieta dovrebbe essere in grado di non stravolgere le abitudini quotidiane. E il rituale del caffè fa parte di queste abitudini. I principi attivi, contenuti in questa bevanda, hanno un impatto notevole sul funzionamento del nostro metabolismo, tuttavia, per poter avere effetti non trascurabili, servirebbe assumere molto di più, rispetto alle 3-4 tazzine consumate mediamente, durante il corso della giornata.

Consumare un eccesso di caffeina è comunque dannoso perché può provocare ansia o tensione, che sono controproducenti per la nostra linea in quanto potrebbero provocare attacchi di fame nervosa.

In particolare, il caffè e i prodotti dei distributori automatici sono ulteriormente zuccherati, con la conseguenza che potrebbero incidere negativamente su glicemia, appetito e aumento di peso.

Rispettare le dosi suggerite, ovvero di non superare i 3-4 caffè al giorno, del caffè otterremo solamente i benefici, in quanto è un buon diuretico e vasocostrittore, nonché digestivo perché favorisce la secrezione gastrica.

Infine, scegliere un caffè di origine biologica, dovrebbe garantire maggiore trasparenza nei processi di lavorazione e minori residui chimici.

I pasti fuori orario

Il nemico giurato della nostra linea è… la disorganizzazione!

I ritmi frenetici, il tempo passato fuori casa e gli impegni sempre più fitti, purtroppo, non ci consentono di organizzare bene i pasti, con il risultato che, ahimè, questi ultimi spesso risultano incompleti o carenti di nutrienti.

Oppure eccessivamente ricchi di carboidrati e grassi, che inevitabilmente, andranno ad accumularsi sulla vita e sui fianchi.

Organizzare i pasti in maniera strategica, magari preparandoli in anticipo, può aiutare a ridurre i rischi che i pasti stessi siano delle bombe caloriche o eccessivamente ridotti.

Cominciare da un buon secondo, in grado di fornire, con le sue proteine, il nutrimento per la nostra massa magra e successivamente, aggiungere verdure, carboidrati integrali e frutta fresca, può essere un primo passo per non sbagliare con le calorie, risparmiare tempo e… denaro.

Post che potrebbero piacerti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Pasti fuori orario e caffè: due insidie per la tua dieta

di Marzia Di Stefano tempo di lettura: 1 min
0