Combattere (e vincere) la fame notturna

fame notturna

Con i ritmi di vita sempre frenetici ed impegnativi, si arriva la sera a casa affamati, a volte nervosi, e spesso stanchi. Magari dopo essere andati anche in palestra.

E, ahinoi, non si da’ la giusta importanza al cibo, magari facendo una cena leggera, che dopo qualche ora diventa vera e propria fame.

A qual punto il rischio di cadere in tentazione, davanti al frigorifero, è altissimo.

Ma come fare per poter evitare la fame notturna? Abbiamo qualche strumento a disposizione?

Il miglio: saziante e ricostituente

E’ importante rifornire il corpo dell’energia e dei nutrienti spesi durante la giornata. Per cena, scegliere il miglio, estremamente ricco di magnesio, di vitamina B, ma anche di altri nutrienti, è una scelta ideale, anche quando ci si sente deboli.

I suoi chicchi sono perfetti per essere aggiunti ai passati di verdura o a risotti un po’ alternativi.

Un accorgimento importante, per ridurre al minimo le perdita dei minerali durante la cottura, è di cuocerlo aggiungendo il doppio del suo volume d’acqua, lasciandola assorbire, anzichè utilizzare tanta acqua e poi gettarla via.

Conciliare il sonno

Il magnesio favorisce il rilassamento e aiuta a prendere sonno. Una buona bevanda della buonanotte, che aiuta anche a ridurre un eventuale languorino, è la seguente: in un bicchiere tiepido di latte di mandorla, aggiungere un pizzico di essenza di vaniglia o, in alternativa, un po’ di cannella.

Sorseggiandola lentamente, favorirà il riposo e distenderà i nervi.

Post che potrebbero piacerti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Combattere (e vincere) la fame notturna

di Marzia Di Stefano tempo di lettura: 1 min
0