Cosa sono le proteine in polvere

proteine in polvere

Cosa sono le proteine in polvere di cui si sente tanto parlare?

Da strumento di nicchia dei bodybuilders a integratore alimentare per bilanciare i pasti nel corso della giornata, soprattutto per chi vive freneticamente e non ha molto tempo da dedicare ai fornelli.

Ricavate da molteplici fonti, come siero del latte, legumi o semi di canapa o mandorle, ne esistono moltissime varietà in commercio.

E’ possibile acquistarle sia in negozio, ma anche online: l’importante è scegliere un prodotto con almeno il 95% di proteine; percentuali inferiori potrebbero celare la presenza di ulteriori ingredienti, potenziali fonti di carboidrati e grassi.

Le proteine ottenute dal siero del latte possono essere utili a ridurre l’indice glicemico degli alimenti, soprattutto quelli più dolci. Sono insapori ed è possibile aggiungerle nella preparazione di dolci, biscotti o crepes.

L’apporto calorico di una dose, tipicamente 8 grammi, è di circa 29 calorie, con 7,2 gr di proteine.

Soprattutto oltre i 40 anni, aumentare la quota di proteine si rende necessario per contrastare la perdita di tono muscolare e la tendenza ad aumentare di peso. Consumare proteine e fare esercizio fisico stimola la produzione di leucina, un aminoacido che svolge il compito di favorire la crescita muscolare. E’ comunque essenziale non esagerare con le dosi ma mantenersi nell’ambito del fabbisogno giornaliero.

Esempi di utilizzo

A colazione mangi latte, fette biscottate o frutta? Mettere un misurino di proteine in 150ml di latte, preferibilmente vegetale, consente di integrare la quota proteica del mattino.

A cena, arrivi tardi e non hai voglia di metterti a spignattare? Una insalata mista e un centrifugato addizionato con una dose di proteine in polvere, forniscono i nutrienti necessari per mantenersi leggeri e favorire il dimagrimento.

Proteine della canapa

L’abbondanza di fibra insolubile contenuta in questo tipo di prodotto consente di ripulire il colon e sgonfiare l’intestino, soprattutto se sei reduce da un periodo di alimentazione un po’ disordinata.

Per colazione, un cucchiaio di proteine della canapa, aggiunte ad un frullato con 150ml di latte vegetale con un cucchiaio di semi di lino, un pizzico di sale, 2 foglie larghe di cavolo nero e un dattero medjool, rappresentano una fonte di nutrimento leggera e soprattutto, bio.

Proteine di pisello

La proteina di pisello riduce la voglia di dolci.

Puoi preparare delle deliziose frittelle frullando un cucchiaio di farina di cocco, due cucchiai di proteine del pisello, un cucchiaio di burro di semi di girasole, acqua e un pizzico di sale.

In una padella antiaderente, cuoci le frittelle ottenute da questa pastella e guarnisci con malto d’orzo, mirtilli e fragole.

Proteine del siero di latte

Questo tipo di proteine sono spesso commercializzate con il nome inglese whey. L’elevato contenuto di aminoacidi è particolarmente indicato per perdere peso in maniera duratura e per chi pratica attività fisica.

In particolare, le varianti idrolizzate sono pensate specificatamente per l’uso in palestra, in abbinamento con frutta e acqua, come ad esempio un frullato con una banana, acqua e un misurino di proteine.

Proteine della soia

Le proteine della soia sono delle grandi alleate delle donne in menopausa: sono particolarmente indicate per mitigare e smorzare gli scompensi ormonali causa di sbalzi d’umore, ma anche per combattere l’aumento di peso tipico di questo periodo.

Un drink a base di latte vegetale, con un cucchiaio di proteine della soia e un pizzico di cannella e/o cacao non zuccherato, può tranquillamente sostituire la colazione.

Post che potrebbero piacerti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Cosa sono le proteine in polvere

di Marzia Di Stefano tempo di lettura: 2 min
0