Latte a colazione. Si o no?

latte fa male

Molti dei miei pazienti, parlandomi delle loro abitudini alimentari, mi chiedono se, quando saranno a dieta, sarà ancora possibile fare colazione con una tazza di latte.

Infatti, ci sono diversi tipi di latte: oltre quello vaccino (di mucca) ci sono le varianti vegetali, come il latte di soia o quello di avena che, oltre ad essere adatti anche a vegetariani e vegani, hanno il vantaggio di essere meno calorici, grazie all’assenza di caseina, lattosio e grassi.

Il meno calorico è il latte di soia: una tazza da 150ml possiede circa 50kcal. Quello d’avena ne ha 60, e le varianti di riso o di mandorle ne hanno circa 80.

E’ importante, al supermercato, leggere bene l’etichetta: spesso al latte vegetale sono aggiunti dolcificanti, aromi e zuccheri che ne accrescono il potere calorico.

Se non si soffre di particolari intolleranze, non ci sono controindicazioni a inserire il latte, anche vaccino, a colazione, anche il ambito di una dieta ipocalorica.

Se non specificato dal nutrizionista, è da preferire il latte intero, che contiene circa il 3% di grassi, un valore comunque accettabile in una dieta, ma che ha il vantaggio di apportare meno zuccheri, fa alzare meno la glicemia, e ha un potere saziante migliore.

Quanto latte bere?

Il latte vaccino non ha particolari controindicazioni, ma quanto latte bere?

La quantità ideale è 150ml, che corrisponde ad un bicchiere (non ad una tazza). Inoltre, è molto importante non limitarsi ad un tipo soltanto, ma alternare il latte vaccino con le varianti vegetali, ad esempio un giorno il latte vaccino e due/tre giorni bevendo latte vegetale.

Post che potrebbero piacerti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Latte a colazione. Si o no?

di Marzia Di Stefano tempo di lettura: 1 min
0